A Parigi: i giardini galleggianti sulla Senna


Un giardino galleggiante ha origini lontanissime e nasce con gli Aztechi, meglio noto come chinampa.  Questa architettura verde era costituita di solito da una o più isole artificiali costruite su uno specchio d’acqua dolce per aumentare la superficie di terra coltivabile. L’acqua fornisce irrigazione all’isola e materiale organico fresco, dando origine a un ambiente agricolo e botanico estremamente fertile. Le isole erano costruite puntellando il fondo del basso lago con dei paletti e creando una forma rettangolare. L’area delimitata veniva poi riempita con fango, sedimenti del lago e vegetazione in decomposizione, fino a farne alzare il livello oltre quello del lago. Spesso sugli angoli venivano piantati alberi tipo i salici per rinforzare la struttura.

A Parigi sulla riva Gauche della Senna (a Les Berges) ora è possibile godere di un nuovo spazio verde esclusivo, composto da cinque isole interconnesse, è un luogo unico per passeggiare tra le piante intimamente legate all’acqua.

Sono stati utilizzati per le piantagioni 60 alberi a bordo acqua, 280 arbusti, 3.000 erbe di tutte le dimensioni. Ogni isola gioca con una gamma di impianti specifici. Questi nuovi impianti potranno migliorare la biodiversità e gli habitat urbani. Inoltre sono presenti anche isole staccate con piante semi-acquatiche e collegate alle isole più grandi tramite cavi sottomarini.


Tutte le piantagioni (tranne le piante semi-acquatiche) sono irrigate da acqua presa dalla Senna grazie a un dispositivo di pompaggio e filtro collegato ad un sistema di irrigazione.

Le isole più grandi sono cinque  costituite da 12 strutture galleggianti ciascuna e unite insieme.

Cinque pezzi di paesaggio da ammirare.. dove ognuna delle piccole isole ha la sua identità!

C’è l’isola centrale, punto di ingresso principale “all’arcipelago”,  ombreggiata grazie a salici e altri alberi.  I pavimenti sono rivestiti in calcestruzzo o in legno. Il calcestruzzo di colorazione più verde e più scuro, da’ la sensazione di un terreno di muschio umido. Si tratta di uno spazio aperto dove è possibile ottenere aria fresca, sedersi, sdraiarsi, guardare le barche che passano.

L’isola prateria, dove la sua vegetazione è bassa ed è principalmente costituita da un prato fiorito. Esitono due  percorsi sollevati che permettono ai bambini e agli adulti di passeggiare tra l’erba senza danneggiarla.

L’isola degli uccelli è più densamente piantata e più “selvaggia” e dove lo spazio accessibile al pubblico è più limitato. Questa serra è un paradiso per i visitatori, ma anche un luogo per osservare intricati arbusti a beneficio degli uccelli, con metà dello spazio  dedicato a una voliera, una sorta di grande “gabbia aperta” che in parte è ricoperta anche di vigneti.

ile_prairie

L’isola degli orti, è completamente un prato verde ed è decorata da filari di meli. Il percorso calpestabile è in legno ed attraversa l’intero frutteto. Il tutto rivolto verso il meraviglioso Grand Palais.

Infine l’isola delle nebbie, è l’isola più misteriosa. Il lato Senna è costituito da un terrapieno piantumato con arbusti e graminacee ornamentali. Su questo lato sono disponibili delle sedie a sdraio per sedersi ad ammirare il ponte degli Invalides e il Grand Palais. Il Lato Quay, invece è coltivato da piante che richiedono molta umidità. Tale necessità porta ad irrigare le piante con nuvole d’acqua, fitte goccie che creano un’insolita nebbia appunto.

Inoltre per ricreare un ambiente favorevole all’allevamento di pesci fitofili (specie che depongono le uova sulla vegetazione sommersa) sono stati fissati ai fianchi delle isole immerse 15 strutture rettangolari(1 x 2 m) dotate di spazzole come lunghi capelli. Esse sono poste nella direzione di flusso e contro corrente.

Tutto questo permetterà a parigini e turisti di ammirare la fauna e la flora fluviale!

1

Questo progetto rientra nel programma del nuovo sindaco della capitale, Bertrand Delanoe,che come molti dei neo – eletti sindaci italiani ha scelto di puntare a una città più a misura d’uomo e green.

viaA Parigi: i giardini galleggianti sulla Senna – Econote.it.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *