Promozione turistica creativa: Cordoba insegna.


Un solo breve commento al video che vi proponiamo.

Cordoba non è Marozia (vedi post Turismo +20%…). Cordoba ESISTE.  Ed esiste chi ha fatto e continua a fare promozione turistica in questo modo.

Pubblichiamo al riguardo anche il testo di Paolo Zignani perchè lo riteniamo interessante e utile come riferimento-riflessione anche per altre città italiane.

“Come si fa a competere con una promozione fatta in questo modo? Il turista vede quello che gli si mostra in un video, nelle foto, nelle narrazioni del loco, poi constaterà con i suoi occhi. Vedrà, toccherà, assaggerà, ascolterà, ma se non viene invitato a sospettare l’esistenza di una magica aura, di una storica beltà, di una cattedrale imponente e spettacolare, di un’antica moschea, di un ambiente naturale affascinante, trapunto di resti romani, come fa a immaginarsi la realtà se gli si nasconde persino l’immagine turistica?

Il video realizzato dalla città di Cordoba sconvolge, rapisce, viene da domandarsi come mai non si ha già in tasca il biglietto dell’areo, del treno, perché la motocicletta o la vespa non rombano di già appena si mette il piede fuori di casa anelando Cordoba, perché, perché siamo ancora qui?

Ma un momento. Bellissima la città andalusa, che tra l’altro dicono conservatrice, un plauso alla mescolanza degli stili architettonici,  alle radici ebraiche e musulmane, al ponte romano, agli stili musicali, tutto fantastico, bene, benissimo, ma Cremona ha un duomo? Sì. Ha cavalli arabi? Sì, a San Daniele c’è un interessante allevamento, dove il museo archeologico porta addirittura molto ma molto più indietro nel tempo! C’è una tradizione musicale locale? Sì, da Claudio Monteverdi in poi non mancano i musicisti e adesso spunta anche il museo del violino. E il Ponchielli? Perfetto, allora quale ingrediente manca? Il fiume? C’è il Po. Parchi naturali? Ci sono. Persino la via Postumia. Con un qualche attenzione in più il patrimonio culturale potrebbe unirsi a una creativa e fascinosa promozione e … Cordoba è una perla preziosa? Non è l’unica in Europa. C’è anche di meglio altrove. Allora promuovere una città è normale, solo che ci vuole un po’ di passione, di slancio, di professionalità….

Ma qui è vietato sognare! Pare che manchi la buona volontà, la passione… Basterà pregare Sant’Omobono, festeggiato ieri? Chiaramente no.  Finché si amministra così… “

Poniamoci anche noi le stesse domande riferendoci ad un’altra città come ad esempio Modena.
Cosa ha Cordoba che noi non abbiamo? Dal punto di vista strutturale niente. Abbiamo il Duomo, la Ghirlandina, la montagna i fiumi paesini medioevali ecc ecc. Allora perché Cordoba rispetto alla provincia di Modena  sembra su un altro pianeta?

Sarà forse…l’atmosfera? Sarà la vivacità culturale? Sarà mica per caso che ci sanno fare e anche molto a presentarsi al meglio? Sarà che il loro messaggio arriva dritto allo stomaco?

Questa è la direzione giusta.

 

via Patrimonio culturale e promozione turistica creativa: Cordoba insegna, Cremona ha gli ingredienti ma non la ricetta | Quaderni corsari.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *